La Polaroid di Andy Warhol…..

Andy Warhol li invitava a pranzo, alla Factory. Lasciava che mangiassero e bevessero senza di lui, solo in un secondo momento si univa a loro. Allora, i suoi ospiti, li faceva sedere davanti a un muro, li intervistava, li riprendeva, e infine li fotografava. Li fotografava con la sua macchina Polaroid stando a un palmo dai loro visi. Truccando le donne con cipria bianca come fossero personaggi del teatro Kabuki e facendo posare gli uomini cercando il modo per nascondere un doppio mento o una ruga, decine di attori e sportivi, scrittori e modelle, si sono prestati al suo obiettivo. Le piccole foto istantanee erano gli sketch di Warhol, i suoi disegni preparatori, la base su cui avrebbe poi realizzato le più grandi e famose serigrafie”.

28171_316019808524313_1404464925_n

“Il paradosso sta nel fatto che Andy Warhol ha creato riproduzioni e serie quando ha usato tele e inchiostri (le serigrafie) mentre ha prodotto pezzi unici quando ha usato la macchina fotografica (la Polaroid)”

tumblr_kx2jr4NvUY1qafk5go1_500

Personalmente adoro Andy WArhol, così come adoro buona parte dell’arte contemporanea, non sempre profonda di significato, non sempre nobile di intenti e di tecnica, ma decisamente scenografica, spesso piacevole, e soprattutto viva. Specchio indiscusso dei tempi che cambiano, delle tecnologie in evoluzione che modificano abitudini, stili di vita e capacità umane. Di conseguenza non posso non amare i barattoli di zuppa, i fiori e i volti seriali sulle tele di Andy Warhol, e sapere che buona parte di queste opere nascono da scatti istantanei prodotti dalle molteplici Polaroid che l’artista possedeva mi attrae enormemente verso questa famiglia di macchine fotografiche.

Un paio di mesi fa, ad un mercatino, mi sono accaparrata una bella Polaroid SX70 Sonar per una cifra irrisoria. Mi aveva colpito questa macchina da quando l’avevo vista in rete nella prima istantanea pubblicata sopra . L’ho trovata molto affascinante, con una linea particolarissima, e non immaginavo di certo di trovarla così, casualmente, in mezzo a cornici, libri e ceramichette da bomboniera.  La Polaroid SX70 Sonar è in sostanza una SRL e impiegava pellicole istantanee SX70, oggi non più in produzione ma sostituite dalla versione della Impossible Project. Leggendo le sue caratteristiche su vecchi manuali anni ’70 di fotografia, sorrido sempre nel leggere che una volta chiusa, ripiegata su se stessa, “ha le dimensioni di una scatola di sigarette” oppure “la si può portare comodamente nella tasca di un cappotto”… in realtà, noi che siamo abituati ad avere tutto mini e tascabile, è una “compatta” di discrete dimensioni e con un discreto peso!!!

IMG_20130410_180144

Il corpo metallico argentato, rivestito da similpelle nera, protegge al suo interno tutte le parti delicate della macchina che, secondo un sistema di slittamenti, si incastrano tra loro. L’inquadratura del soggetto avviene per mezzo dell’oculare tenendo la macchina leggermente inclinata verso l’alto e tramite un sistema di riflessione su specchi interni. Il sistema di messa a fuoco, in questo modello, avviene per mezzo del sonar e il pulsante di scatto, a funzionamento elettrico, permette una maggiore stabilità evitando così effetti di movimento.

IMG_20130410_180325

Non mi dilungherò ulteriormente sulle caratteristiche tecniche della Polaroid SX70, ne troverete fin che vorrete su internet e manuali poiché è uno dei modelli più famosi e ricercati di macchina fotografica istantanea vintage. Io sono felicissima di poter provare un modello similare a quello utilizzato da uno dei miei artisti preferiti

IMG_20130410_180431

Concludo con le parole di Andy Warhol, che probabilmente molti amanti della fotografia analogica non possono non condividere:

Io porto la mia macchina fotografica ovunque vada. Avere un nuovo rullino da sviluppare mi dà una buona ragione per svegliarmi la mattina”    Andy Warhol

Link delle citazioni: http://www.vogue.it/people-are-talking-about/da-new-york/2012/11/polaroid-andy-warhol, http://magazine.sevendays-in.com/429/non-solo-polaroid-tutte-le-macchine-fotografiche-di-andy-warhol/.

A.

4 thoughts on “La Polaroid di Andy Warhol…..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...